Software per la rilevazione del plagio

L'Università degli Studi di Trento ha adottato il software Turnitin per la rilevazione del plagio, a seguito di un'attenta valutazione da parte del gruppo di lavoro composto dalla Delegata del Rettore per l'Open Access e le politiche contro il plagio, l'Ufficio Didattica Online della Direzione Didattica e Servizi agli Studenti, l'Ufficio Legale, l'Ufficio Privacy, l'Ufficio Prodotti della Ricerca.

Il programma misura la similitudine esistente tra il documento sottoposto ad analisi, documenti disponibili sul web e milioni di testi accademici. Individua possibili casi di plagio restituendo la percentuale del lavoro dello/della studente che si trova tale e quale in rete o in articoli presenti in specifiche banche dati, indicando le fonti di ogni passaggio copiato. Ciò non significa che tutti i testi individuati siano stati copiati. Il numero di fonti segnalate costituisce, tuttavia, un buon rilevatore dell’originalità di un lavoro.

Si evidenzia che la finalità del controllo da parte dei/delle docenti non è da intendersi come punitiva, mirando piuttosto alla prevenzione e alla sensibilizzazione della comunità studentesca alla problematica del diritto d’autore e della proprietà intellettuale. L’obiettivo è rendere lo/la studente consapevole del rischio di incorrere nel plagio, con un approccio di tipo pedagogico-educativo.

Per accedere al servizio i/le docenti sono invitati a mandare una richiesta di account all’Ufficio Didattica Onlineuff.didatticaonline [at] unitn.it

L’accesso al servizio avviene dalla pagina di autenticazione di Turnitin.
Nel frattempo è in corso di implementazione l’integrazione con il SSO per consentire l’accesso al programma tramite l’account istituzionale di Ateneo.

Le linee guida per l’utilizzo del programma sono disponibili via web.

In caso di dubbi o difficoltà è possibile contattare il Support Center di Turnitin.